L’esperto risponde

Argomento
Anno
Cerca nel Forum

Buongiorno, per quanto riguarda le prove giornaliere da effetuare sulle autoclavi di grandi dimensioni,vuoto test,bowie dick, è corretto dal momento che l'autoclave viene spenta, alla sua riaccennsione nell'arco delle 24 ore non eseguire più il test? grazie

 

Buongiorno
Vorrei chiedere quale percorso dovrebbero effettuare gli strumentari aperti ma non utilizzati e non contaminati, nel reprocessing: in particolare e’ necessario procedere al lavaggio meccanico o è possibile effettuare direttamente la sterilizzazione?

 
  • Risposta 1
  •          ven, 16 Ott 2020 10:28
  •          silene tomasini

  • Buon giorno. Gli strumenti aperti sul campo operatorio sono da considerarsi sempre contaminati e necessitano di trattamenti termici che raggiungono un A con 0 3000 .
    Buona giornata


Buongiorno,
nell'ospedale in cui lavoro, gli strumenti di videolaparoscopia contenuti nel container vengono sterilizzati montati.
E' giusto così? O ai fini di una migliore sterilizzazione è preferibile inserire gli steli, camice e manipoli smontati?
Esistono normative o linee guide a tale proposito?
Grazie

 
  • Risposta 1
  •          ven, 16 Ott 2020 10:22
  •          silene tomasini

  • Buon giorno. Gli strumenti laparoscopici sono forniti con una scheda tecnica che indica la modalità di trattamento . Gli strumenti che devono essere sterilizzati smontati sono veramente rari . Il nostro punto fermo di riferimento sono le schede tecniche .
    Buona giornata


Buongiorno, volevo avere delle informazioni sulla durata delle prove termometriche.
Nella casa di cura, privata,ma convenzionata,in ciu presto servizio, per aumento attività e sale operatorie, è stata costruita una centrale di sterilizzazione, che prevede l'installazione di nuove autoclavi e di nuovi termodisinfetttori. Tutto sarebbe dovuto entrare in funzione a settembre, ma per problemi tecnici, pratici, non è avvvento.
Le autoclavi e le lavaferri, che sono in struttuta, (quelle da sostituire) , non hanno esegiuto le prove termometriche, a cui ogni anno erano sottoposte.
Per essere in regola le devo eseguire entro fine anno?
Grazie.

 
  • Risposta 1
  •          mar, 29 Set 2020 16:58
  •          Milena Bezziccheri

  • Buongiorno,
    per poter usare le vecchie termo disinfettatrici e autoclavi deve eseguire le prove di convalida annuali
    Buon lavoro

  • Risposta 2
  •          mar, 29 Set 2020 16:59
  •          Milena Bezziccheri

  • Buongiorno,
    per poter usare le vecchie termo disinfettatrici e autoclavi deve eseguire le prove di convalida annuali
    Buon lavoro


Buongiorno
Noi nel reparto ci occupiamo di decontaminare, lavare e confezionare i pochi ferri utilizzati per le piccole
Medicazioni.
Mi chiedevo...la spazzola che utilizzo per i ferri va messa dentro il decontaminare e poi sterilizzata ogni volta che la utilizziamo ?
Noi lo facciamo sempre ma ho dei miei colleghi che dubitano su questa procedura.
Secondo loro non serve decontaminare e sterilizzare ogni volta la spazzola.

Grazie

 
  • Risposta 1
  •          dom, 11 Ott 2020 13:17
  •          Ada Giampà

  • Buongiorno ,
    la pulizia di strumentario chirurgico è una importante fase del processo di sterilizzazione la cui efficacia influenza l’esito del processo stesso .
    Premesso che la pulizia effettuata con washer disinfector , che permettono di raggiungere un A° = 3000 , è preferibile , nei casi in cui sia necessario effettuare il lavaggio manuale ( e successiva disinfezione ) , una particolare attenzione deve essere portata agli accessori di lavaggio .

    Spazzole e scovolini

    Non devono danneggiare i dispositivi con abrasioni , lesioni della superficie ecc.. :
    - sono preferibili accessori con setole morbide
    - gli scovolini devono avere diametri delle setole e lunghezze dei manici compatibili con i lumi dello strumento , meglio se le punte sono protette e non perforanti . Si consideri che sulle istruzioni d’uso di alcuni strumenti chirurgici sono indicati scovolini e spazzole specifici .

    Non devono ricontaminare gli strumenti :
    - verificare sulle istruzioni d’uso di spazzole/scovolini se sono monouso ( da eliminare dopo l’uso ) o pluriuso
    - se sono pluriuso , per il riutilizzo fare riferimento alle indicazioni di trattamento che prevedono generalmente sia il lavaggio che la disinfezione / sterilizzazione dell’accessorio stesso .

    Una particolare attenzione all’aspetto igienico di questi accessori è fondamentale per non vanificare l’attività di lavaggio .

    Ada Giampà

  • Risposta 2
  •          dom, 11 Ott 2020 13:18
  •          Ada Giampà

  • Buongiorno ,
    la pulizia di strumentario chirurgico è una importante fase del processo di sterilizzazione la cui efficacia influenza l’esito del processo stesso .
    Premesso che la pulizia effettuata con washer disinfector , che permettono di raggiungere un A° = 3000 , è preferibile , nei casi in cui sia necessario effettuare il lavaggio manuale ( e successiva disinfezione ) , una particolare attenzione deve essere portata agli accessori di lavaggio .

    Spazzole e scovolini

    Non devono danneggiare i dispositivi con abrasioni , lesioni della superficie ecc.. :
    - sono preferibili accessori con setole morbide
    - gli scovolini devono avere diametri delle setole e lunghezze dei manici compatibili con i lumi dello strumento , meglio se le punte sono protette e non perforanti . Si consideri che sulle istruzioni d’uso di alcuni strumenti chirurgici sono indicati scovolini e spazzole specifici .

    Non devono ricontaminare gli strumenti :
    - verificare sulle istruzioni d’uso di spazzole/scovolini se sono monouso ( da eliminare dopo l’uso ) o pluriuso
    - se sono pluriuso , per il riutilizzo fare riferimento alle indicazioni di trattamento che prevedono generalmente sia il lavaggio che la disinfezione / sterilizzazione dell’accessorio stesso .

    Una particolare attenzione all’aspetto igienico di questi accessori è fondamentale per non vanificare l’attività di lavaggio .

    Ada Giampà


Buongiorno, lavoro in Centrale di Sterilizzazione e recentemente mi hanno parlato del fenomeno dell'"accoppiamento termico": i materiali in gomma non possono stare a contatto con superfici in metallo durante la sterilizzazione a vapore perchè il metallo prolunga/aumenta il calore durante il processo.
E' vero?
Grazie?

 
  • Risposta 1
  •          mar, 13 Ott 2020 13:05
  •          ADA GIAMPA'

  • Buongiorno ,
    se fa riferimento alla temperatura ( e non di calore ) , c’è la possibilità che il metallo a contatto con la gomma possa generare un aumento localizzato di temperatura e quindi un aumento localizzato dei tempi di sterilizzazione ( la temperatura eventualmente innalzata può far entrare quella specifica zona in condizioni di sterilizzazione prima delle altre zone ) .

    Non mi risulta che ci siano i fenomeni da lei citati anche se, a onor del vero, qualsiasi sensore di temperatura modifica troppo le condizioni ambientali per poter dire con esattezza cosa succede fra due superfici a contatto.

    Detto questo, però, è possibile affermare che potrebbe eventualmente generarsi il problema opposto ossia che la temperatura nella zona di contatto tenda ad alzarsi più lentamente per l’effetto dell’isolamento termico della gomma e quindi che il tempo di sterilizzazione possa accorciarsi (questa evidenza, oltre a essere fisicamente congruente, è in linea con quanto indicato nella ISO TS 17665-3).

    Si evince dunque come sia importante che le convalide vengano effettuate considerando le diverse famiglie di prodotti in funzione a design , peso , materiali , sistema di barriera sterile .
    I design e la natura dei materiali utilizzati per costruire i dispositivi medici sono sempre più complessi.
    I materiali utilizzati per costruire i sistemi di barriera sterile e/o sistemi di confezionamento e le combinazioni di diversi dispositivi medici nei set , possono inficiare la conduttività, la rimozione dell’aria e la penetrazione del calore, causando il fallimento del raggiungimento del livello di assicurazione della sterilità .
    La classificazione di un dispositivo medico in una famiglia di prodotti può dunque aiutare nello sviluppo delle condizioni di un processo di sterilizzazione che dovrà essere verificato e documentato includendo anche qualsiasi altro pre-trattamento a cui il dispositivo è stato sottoposto ( pulitura, disinfezione ecc .) .
    Buona giornata
    Ada Giampà


Buongiorno
Nella struttura in cui lavoro si utilizza il decontaminante chimico nell’attesa di riprocessare lo strumentario; nel BO esistono due lavastrumenti certificate. In riferimento alla decontaminazione degli strumentari ( prima dell’invio in centrale di sterilizzazione) quale consigliate come miglior pratica, la decontaminazione chimica o il lavaggio nella termodisinfettattrice, soprattutto nei casi in cui il tempo di attesa della riprocessazione di può protrarre oltre le sei ore?
In attesa di gentile riscontro ringrazio per la disponibilità

 
  • Risposta 1
  •          gio, 24 Set 2020 14:06
  •          silene tomasini

  • Buon giorno , vi sono studi svolti presso le centrale svizzere dove si è evidenziato che il trattamento immediatamente dopo l'uso in lavastrumenti ( ciclo di cecontaminazione ) determina un minor usura agli strumenti stessi per l'asportazione sia di materiale organico sia di soluzioni utlizzate in campo operatorio ( soluzioni fisiologiche ) . La decontaminazione ed il trasporto in soluzioni decontaminanti deteriora maggiormente gli strumenti per un lungo tempo di permanenza.


Buongiorno a tutti
Sono strumentista di sala operatoria in Alto Adige.
Volevo chiedere se vi siano normative che prevedano ,
in funzione della rintracciabilità,
l’inserimento di un qr code su ogni singolo strumento.
In ogni caso lo consigliereste?
Inoltre che sistema di rintracciabilità consigliereste per una
piccola realtà privata con 2 sale operatorie e piccola
sterilizzazione annessa?
Grazie fin d’ora per le vostre risposte

 

Buongiorno, sono un operatore tecnico della centrale di sterilizzazione di Magenta, in merito alle prove giornaliere, c'è una normativa che indica se Bowie dick ed Helix test debbano essere fatti con cicli separati o se si può farli con lo stesso processo?
Grazie e buona giornata.

 
  • Risposta 1
  •          gio, 24 Set 2020 13:57
  •          silene tomasini

  • Buon giorno La normativa di rifrimento EN ISO 285 , L'esecuzione dei test è prevista in cicli separati . Ogni dispositivo verifica una criticità diversa Il BD la criticità dei corpi porosi l' allow test la criticità dei corpi cavi .


Buongiorno,
è possibile sapere qual'è il riferimento normativo che indica la differenza di pressione che deve avere il locale deposito sterile da tutto il resto?
Grazie

 
  • Risposta 1
  •          lun, 05 Ott 2020 15:12
  •          silene tomasini

  • Buon giorno la norma di riferimento è UNI EN ISO 14644 UNI EN ISO 14698 CAMERE BIANCHE ED ABIENTE ASSOCIATO E CONTROLLATO
    zona pulita” (confezionamento e sterilizzazione)
    - contaminazione particellare: Classe ISO 8 (rif. UNI EN ISO 14644-1) in normali
    condizioni operative per particelle di dimensioni > 0,5 mm e > 5,0 mm;
    - contaminazione microbica superfici: < 50 UFC/piastra (EuGMP Grado D)
    - contaminazione microbica aria: < 200 UFC/m3 (EuGMP Grado D)
    Zona “Scarico Autoclavi”
    Per questo tipo di zone si ritengono adeguate le caratteristiche ambientali classificate
    come Classe ISO 7 (vedere UNI EN ISO 14644-1) come definito dalla UNI EN ISO
    17665-2 punto 11.1 che specifica che l’asciugatura degli SBS umidi in ambienti
    controllati riduce il rischio di potenziale ricontaminazione dei DM.
    Buona giornata

  • Risposta 2
  •          lun, 05 Ott 2020 15:12
  •          silene tomasini

  • Buon giorno la norma di riferimento è UNI EN ISO 14644 UNI EN ISO 14698 CAMERE BIANCHE ED ABIENTE ASSOCIATO E CONTROLLATO
    zona pulita” (confezionamento e sterilizzazione)
    - contaminazione particellare: Classe ISO 8 (rif. UNI EN ISO 14644-1) in normali
    condizioni operative per particelle di dimensioni > 0,5 mm e > 5,0 mm;
    - contaminazione microbica superfici: < 50 UFC/piastra (EuGMP Grado D)
    - contaminazione microbica aria: < 200 UFC/m3 (EuGMP Grado D)
    Zona “Scarico Autoclavi”
    Per questo tipo di zone si ritengono adeguate le caratteristiche ambientali classificate
    come Classe ISO 7 (vedere UNI EN ISO 14644-1) come definito dalla UNI EN ISO
    17665-2 punto 11.1 che specifica che l’asciugatura degli SBS umidi in ambienti
    controllati riduce il rischio di potenziale ricontaminazione dei DM.
    Buona giornata


Buongiorno, volevo avere delle informazioni sulla durata delle prove termometriche sulle autoclavi.
Hanno la durata di, in anno solare o accademico?
Grazie e buona giornata

 

Salve
Sono un infermiere strumentista di Parma, vorrei sapere con le nuove normative qua l’è il peso massimo di un container. Ed il peso massimo deve tener conto anche del peso del container?
Vi ringrazio

 
  • Risposta 1
  •          lun, 27 Lug 2020 14:43
  •          andrea valentinotti

  • buon giorno
    il peso di un containers per la sterilizzazione non dovrebbe superare i 10 Kg container compreso.
    Questo in primis per problematiche di asciugatura della massa contenuta e poi anche per una questione di sicurezza sulla movimentazione continuativa degli stessi.
    ti saluto
    andrea Valentinotti


Salve, faccio il lavoro di A.S.A in casa di riposo sono interessata a realizzare un corso di sterilizzazione chirurgica mi potete indicare come fare. Dove cercare

 

Buongiorno, sono un'infermiera che lavora in una centrale di sterilizzazione.
Dopo infinite discussioni con i colleghi del blocco operatorio, avrei bisogno di sapere se un container può essere utilizzato il giorno della scadenza.
Grazie mille.
Nicoletta

 
  • Risposta 1
  •          ven, 17 Lug 2020 13:46
  •          silene. tomasini

  • Buon giorno. il termine temporale del giorno di scadenza sono le ore 24.00.
    Il DM sterilizzato e conservato correttamente può essere utilizzato entro le ore 24 del giorno di scadenza
    Buona giornata


Buongiorno!fate corsi per operatori socio sanitari?se si con quale cadenza?eventualmente avvisate tramite email?il coso di adesione?grazie!buona giornata e buon lavoro

 

1 2 3 4