Forum

Argomento
Anno
Cerca nel Forum

Buongiorno, gradirei sapere se può essere affidata a terzi (ditta esterna) la sterilizzazione di DM privi di marchio CE (ferri datati) e se tale situazione si può configurare come il caso 2 citato a pag 32 della norma UNI/TR 11408 (pertanto con la responsabilità in capo al Direttore Sanitario)
Vorrei sapere inoltre se nell'affidamento in esterno è obbligatorio che tutti i DM siano marchiati CE o se questo caso si configura unicamente nel caso in cui la ditta formuli i kit con marchio CE assumendosi la responsabilità come fabbricante.
grazie

 

salve buon pomeriggio, volevo sapere se e obbligatorio usare il telino avvolgente ,'' anche se so che e una tecnica obsoleta'', all interno del container per strumenti chirurgici se e composto da griglia chiusa al suo interno.. non so se sono stato chiaro.
grazie mille, domenico.

 
  • Risposta 1
  •          ven, 25 mag 2018 06:58
  •          milena bezziccheri

  • Buongiorno caro collega in effetti la sua domanda non è chiarissima ma cerco di risponderle per quello che ho capito: all'interno dei containers non dovrebbe essere posto nessun telo avvolgente di qualsiasi tipo o composizione ma viene comunque posto per retaggio "abitudinario" se così posso dire in quanto l'unica parte NON STERILE del container è ll bordo e questo faciliterebbe la manovra di estrazione della griglia contenuta con i relativi strumenti: quello che non capisco è quando parli di griglia "CHIUSA".
    AIOS rimane a tua disposizione per ulteriori chiarimenti
    Buona giornata


vorrei gentilmente sapere se la mancanza del batch control all'interno dell' autoclave per il controllo del ciclo di sterilizzazione determina l'invalidita' dello stesso.
mi spiego meglio: nella mia centrale di sterilizzazione inseriamo per ogni ciclo i batch control che hanno sostituito l'indicatori di processo. qualora in un carico in autoclave, mi dimenticassi di inserire il batch control o lo stesso non virasse bene, mi chiedo se e' corretto dare la non conformita' al ciclo di sterilizzazione e ripeterlo nuovamente;oppure se posso comunque considerare in entrambi i casi il ciclo conforme.
in attesa di un vostro riscontro vi ringrazio anticipatamente

 

Buongiorno, in merito alle prove di stabilità previste dalla uni en iso 11607-2 :2006 vorrei sapere se è indicata una specifica periodicità da rispettare. Es. Ogni anno ..ogni 3 anni ecc. Fermo restando che se modifico il trasporto, percorsi, luogo di conservazione e stoccaggio ...si devono ripetere le prove di stabilità.
Grazie per l' aiuto

 
  • Risposta 1
  •          lun, 16 apr 2018 19:02
  •          Marina Pisegna Cerone

  • Gentile Rosa, le prove di stabilità devono essere ripetute quando cambia qualcuna delle condizioni con cui era stato testato il progetto di convalida. Se tutto rimane invariato non è necessario rifarle.
    Buon lavoro

  • Risposta 2
  •          ven, 20 apr 2018 08:34
  •          Rosa L.

  • Buongiorno, grazie per la risposta. Altro chiarimento, se possibile, quando detto in merito alle prove di stabilità è valido anche per le ditte produttrici di packging?
    Ringrazio anticipatamente per l aiuto.

  • Risposta 3
  •          ven, 04 mag 2018 18:57
  •          milena bezziccheri

  • certo!


Buona sera, grazie per aver risposto alla mia domanda gentile collega.
Vorrei provare a studiare un percorso di laurea in professioni sanitarie, essendo a numero chiuso devo prepararmi per i quiz di accesso ? Quale manuale mi consiglia di acquistare per arrivare per una preparazione efficace?

 

Buona sera, vi chiedo un consiglio : vorrei provare a studiare per un percorso di laurea in professioni sanitarie. In base alla vostra esperienza quale manuale mi consigliate di acquistare ?
Grazie e buona serata !

 
  • Risposta 1
  •          mer, 11 apr 2018 15:07
  •          milena bezziccheri

  • Egregio collega,
    i testi di studi li indirizza l ' UNIVERSITA' che deciderà di frequentare.
    In questo non possiamo aiutarla.
    In bocca al lupo


Buongiorno
è possibile avere il vostro parere sulle raccomandazioni prevenzione infezioni crociate in odontoiatria presenti sul sito dell'AIO Friuli Venezia Giulia in cui si afferma che laddove " si utilizzino autoclavi a vuoto frazionato con software di verifica dei parametri di temperatura tempo e pressione, la validità di uno strumento imbustato è di 1 anno dalla data effettiva del processo"?
Si afferma inoltre che " per controllare i termini di scadenza, la data del girono di sterilizzazione deve essere impressa sulla busta tramite timbro o etichetta adesiva compilata".
Grazie anticipatamente della risposta.

 
  • Risposta 1
  •          lun, 09 apr 2018 14:38
  •          Marina Pisegna Cerone

  • Gentile Collega,
    per dimostrare il mantenimento della sterilizzazione, la Norma 11607-1 introduce il concetto di "prova di stabilità", che deve essere effettuata allo scopo di dimostrare che l'SBS mantiene la sua integrità nel tempo.
    Buon lavoro

  • Risposta 2
  •          mer, 11 apr 2018 15:09
  •          milena bezziccheri

  • La Norma è sempre la stessa ma le prove di stabilità vengono menzionate nella PARTE 2 della 11607.
    Buon lavoro a tutti

  • Risposta 3
  •          mer, 11 apr 2018 22:01
  •          Marina Pisegna Cerone

  • Gentile Roberta, per poter approfondire l'argomento, le consiglio di prendere visione del lavoro del Dr. Roberto Bruschi -Sistemi di confezionamento alla luce della UNI EN ISO 11607- presentato al XIII Convegno Nazionale AIOS 2015 che troverà sul nostro sito cliccando su Materiale Didattico.
    Buona serata


Buona sera, vorrei chiedere cortesemente se è possibile chiarirmi due quesiti:
1 qualcuno sa dirmi dove posso trovare notizie circa lo stipendio di un OSS addetto alla sterilizzazione dei ferri chirurgici ?
2 l'addetto alla sterilizzazione dei ferri chirurgici è una figura professionale che prevede una evoluzione della figura stessa, avanzamento di carriera ?

 
  • Risposta 1
  •          sab, 31 mar 2018 19:24
  •          Tommaso Risitano

  • Buonasera,
    purtroppo non siamo a conoscenza del Contratto collettivo nazionale, comunque che lavori in Centrale e/o in Reparto, il livello retributivo è uguale. L'avanzamento è dato dagli anni di servizio.
    Buon lavoro
    Tommaso


Buongiorno sono la referente della centrale di sterilizzazione di Cagliari ho un quesito da porvi ...l' adenotomo utilizzato deve essere smontato prima della decontaminazione? Una collega dell'ORL asserisce che esiste una norma dove viene dichiarato che va lasciato assemblato per essere trasportato dalla sala operatoria in centrale di sterilizzazione
Cordiali saluti e grazie
M.P

 
  • Risposta 1
  •          sab, 31 mar 2018 19:32
  •          Tommaso Risitano

  • Buonasera,
    personalmente mi viene difficile pensare che esista una norma specifica su tale dispositivo, eventualmente Le chiedo di indicarmi di quale norma parli la sua collega.
    Certo la monovra di smontaggio dev'essere facilitata dallo strumento stesso per poter essere decontaminato.
    Buon lavoro
    Tommaso

  • Risposta 2
  •          mer, 11 apr 2018 15:20
  •          milena bezziccheri

  • Gentile collega,
    il consiglio che mi sento di darle è che all'acquisizione di ogni DM in Centrale questo deve essere accompagnato dalla scheda tecnica da parte del produttore sulla quale deve essere indicata la modalità di MONTAGGIO/SMONTAGGIO del DM e la Norma che obbliga i produttori in tale senso è la UNI EN ISO 17664:2005 : Sterilizzazione dei dispositivi medici - Informazioni che devono essere fornite dal fabbricante per i processi di dispositivi medici risterilizzabili.
    Poi sulla questione di CHI debba smontare lo strumento dopo lì'uso e prima della DECONTAMINAZIONE dipende esclusivamente dalle procedure in uso nei propri Ospedali/Aziende Sanitarie dopo un'attenta valutazione del RISCHIO da parte della Direzione Sanitaria.
    Buon lavoro


Buongiorno.
Vorrei avere informazioni dettagliate sui compiti e sulle responsabilità di due differenti figure che collaborano nel processo della Sterilizzazione: infermiere professionale e O. S. S.
Grazie

 
  • Risposta 1
  •          dom, 25 mar 2018 21:54
  •          Tommaso Risitano

  • Buonasera,
    gli operatori di supporto (OSS) in centrale di sterilizzazione, svolgono azioni di loro competenza dopo aver effettuato un percorso di addestramento, formazione, valutazione, e ancora non di poco conto l'integrazione con il gruppo.
    Premetto che tutte le azioni svolte dall'OSS sono sotto la supervisione dell'Infermiere.
    nella fase di Decontaminazione, l'OSS deve avere conoscenza dello strumentario chirurgico, per poterlo smontare e successivamente assemblare, che conosca gli obiettivi di questa procedura;
    conosca la tecnica di lavaggio sia manuale che automatico, quindi sappia caricare le griglie.
    Fase successiva è la ricomposizione dei set: importante perchè richiede alto livello di conoscenza e competenza, conoscenza dei D.M.
    fase successiva cioè il confezionamento conoscenza della tecnica per questa procedura,
    capacità dell'utilizzo delle termosaldatrici.
    Collabora con l'infermiere nel carico e scarico dell'autoclave: conoscenza della tecnica, controllo visivo sulle buste come integrità, viraggio, ed eventuale presenza di prodotti bagnati.
    Stoccaggio e gestione del magazzino: Conoscenza dei criteri e delle modalità di carico, scarico, conservazione e inventario dei materiali di consumo.
    Spero averle chiarito le idee, le auguro buon lavoro
    Tommaso

  • Risposta 2
  •          dom, 25 mar 2018 22:03
  •          Tommaso Risitano

  • Scusi, abbiamo finora parlato della figura dell'OSS,
    l'infermiere ha il compito di supervisore sul personale a lui affidato,verifica che vengano utilizzazti i DPI con regolarità, controllo sui disinfettanti chimici utilizzati loro schede tecniche, verifica il funzionamento dei D.M. prima del confezionamento, alla fine del processo ha il compito di
    convalidare tutto il ciclo, conservare la documentazione e gestire l'archivio sulla tracciabilità e rintracciabilità.


Buongiorno,
Volevo sapere qual è la procedura più indicata da seguire nel caso di una maschera laringea scaduta (o con scadenza a breve) NON utilizzata: va lavata e decontaminata prima della sterilizzazione oppure non è necessario?
cordiali saluti

 
  • Risposta 1
  •          gio, 22 mar 2018 22:33
  •          Marta Visentini

  • Gentile collega
    Se la maschera laringea fosse monouso alla scadenza va buttata.
    Se pluriuso va decontaminata,lavata e ricondizionata tenendo sempre presenti le indicazioni della scheda tecnica fornita dal produttore circa la metodica di sterilizzazione e il numero di volte che si può effettuare.
    Buon lavoro


Maschera llaringea in scadenza (scaduta) bisogna lavare e decontaminare prima di sterilizzazione?normativa per favore.

 

per quanto tempo si deve conservare la documentazione relativa alla tracciabilità dei dispositivi sterilizzati? 2 anni come vedo in Memo 5
Grazie

 
  • Risposta 1
  •          dom, 25 mar 2018 22:17
  •          Tommaso Risitano

  • Buonasera
    dal punto di vista medico-legale, entro 2 anni può instaurarsi un'infezione.
    10 anni dall'insorgenza dell'infezione il paziente può ricorrere in giudizio, pertanto la documentazione può essere richiesta ipoteticamente dopo 14 anni, si consiglia di mantenere tutta la documentazione per 15 anni.
    Il responsabile del processo di sterilizzazione dovrà dimostrare che quel giorno l'autoclave menzionato sulla scheda di registrazione, ha sterilizzato.
    Oggi esistono sistemi informatici, che mantengono in memoria tutti i dati del processo fino alla durata della cartella clinica.
    Buon lavoro
    Tommaso


Salve vorrei avere un chiarimento riguardante alla sterilizzazione dello strumentario chirurgico a 121
Si può effettuare tranquillamente oppure è meglio evitare essendo un ciclo dedicato alla gomma?

 
  • Risposta 1
  •          sab, 31 mar 2018 19:16
  •          Tommaso Risitano

  • Buonasera,
    la sterilizzazione a 121° può essere eseguita sullo strumentario chirurgico solo se viene riportato sula scheda tecnica del dispositivo da ricondizionare.


Sono un'ostetrica di un centro di PMA, vorrei sapere quali sono le normative di riferimento relative alla sterilizzazione in autoclave (piccola autoclave MELAV VACUKLAV 24 BL).
Questa autoclave è sprovvista di sistema interno per la stampa di strisciata relativa ai cicli effettuati; è obbligatorio acquistare la stampante per poter dimostrare la regolarità dei cicli effettuati?
Precisiamo che nell'autoclave vengono sterilizzati ferri chirurgici e gomme.
E' necessario anche eseguire la convalida? (normativa di riferimento)
Grazie
Cordiali saluti

 
  • Risposta 1
  •          mar, 20 mar 2018 15:27
  •          Tommaso Risitano

  • Buonasera
    la norma di riferimento sulle autoclavi di classe B è la 13060, ritengo indispensabile l'utilizzo di un dispositivo di tracciabilità sui dispositivi processati, l'autoclave su menzionata dispone di una card esterna dove vengono immagazzinati i dati relativi al carico da processare, se non è in possesso la invito a contattare l'azienda venditrice, in quanto ciò arricchisce la documentazione, e in caso di contenzioso, ha le carte in regola per poter dimostrare che il suo operato è stato eseguito a norma di regola.
    Per quanto riguarda la convalida, la risposta è sovrapponibile alla prima, tale procedura dà garanzia che quando la macchina è in funzione, a fine ciclo dà il risultato richiesto, questa è la Qualifica di prestazione, da attuare una volta l'anno.
    Spero di essere stato esaustivo,
    le auguro buon lavoro
    Tommaso


1 2