Forum

Argomento
Anno
Cerca nel Forum

Buongiorno, desideravo sapere se esistono indicazioni sulla modalità di sterilizzazione a vapore degli strumenti laparoscopici pluriuso, ovvero se possono essere sterilizzati assemblati o debbano essere messi a sterilizzare disassemblati. Grazie per ogni informazione

 
  • Risposta 1
  •          mer, 29 Mag 2019 12:21
  •          milena bezziccheri

  • Buongiorno,
    gli strumenti laparoscopici devono essere decontaminati, lavati confezionati e sterilizzati dissassemblati.
    Si ricordi che il metodo di sterilizzazione deve essere rispettoso delle indicazioni del produttore degli strumenti stessi.
    Buon lavoro


SALVE,
sono un infermiera e ho visto ferri chirurgici ( in uso x interventi ) contraddistinti da un nastrino adesivo colorato.Ho sempre saputo che non era corretto.
Chiedo cortesemente un vostro giudizio.
GRAZIE!!

 
  • Risposta 1
  •          mer, 22 Mag 2019 11:06
  •          milena bezziccheri

  • Cara collega,
    infatti sullo strumento non DEVE esserci nulla per far si che lo strumento stesso possa essere pulito in ogni sua parte e le fascette impedirebbero la pulizia dello stesso e poi lo sporco si insinua ed è difficile toglierlo a ridosso della fascetta stessa. Questo era un metodo (ormai desueto) per ricomporre i kit in quanto tutti gli strumenti con lo stesso colore evidenziava il contenuto di un KIT.
    Oggi non è più consentito perchè ci si deve avvalere delle ceck-list chiare dove vengono evidenziate le tipologie degli strumenti e dove sia possibile si può inserire il codice dello strumento stesso.
    Buon lavoro


Buongiorno, sono un'infermiera che lavora presso il confezionamento della sala operatoria, di una clinica privata e convenzionata.
Volevo avere una informazione a proposito della 745/2017.
Quando entra in vigore?
Grazie e buona giornata.

 
  • Risposta 1
  •          mer, 22 Mag 2019 11:36
  •          milena bezziccheri

  • Cara collega,
    ll Regolamento Dispositivi medici (MDR) UE 2017/745 abroga la Direttiva 93/42/CEE (MDD) e s.m.i.. E' un documento di sintesi con schemi e tabelle e deve essere implementato entro 3 anni. E' entrato in vigore il 25/05/2017 e deve essere applicato a decorrere dal 26/05/2020.
    C'è un 1° STEP il 26/11/2017 per gli Organismi notificati. Oltre ad abrogare la 93/42/CEE viene abrogata anche la Direttiva 90/385 CEE ( dispositivi medici impiantabili attivi) e sono state entrambe inserite nello stesso regolamento. Le novità RILEVANTI rispetto alla precedente Direttiva:
    - Istituzione di una banca dati Europea sui DM (EUDAMED);
    - Definizioni e obblighi dettagliati di tutti gli operatori economici
    - Istituzione di una nuova figura ovvero"RESPONSABILE DEL RISPETTO DELLA NORMATIVA"
    - supervisione degli ORGANISMI NOTIFICATI
    -valutazione clinica, sorveglianza post-commercializzazione e piano PMCF( POST MARKET CLINICAL FOLLOW-UP)
    -dispositivi che contengono /costituiti da NANOMATERIALI.
    Non posso in questa sede aggiungere altro solo per questioni di spazio, ma spero di avere evaso la tua domanda.
    Buon lavoro


Buongiorno, sono una Infermiera presso la Centrale di Sterilizzazione dell'Ospedale di Aosta, devo redigere delle istruzioni operative e, in particolare, il percorso di formazione per le figure new entry in Centrale di Sterilizzazione (OSS e Infermiere). Chiedo cortesemente se potreste indicarmi se esiste già una documentazione di riferimento in modo da poter trarre spunto per il mio lavoro. In particolare mi interessano indicazioni su quanti giorni di affiancamento sarebbero necessari nelle varie mansioni e la redazione di un test di valutazione dell'apprendimento.
Grazie

 

Salve, sono un’infermiera e lavoro in un poliambulatorio dove mi occupo anche della sterilizzazione dei ferri.
Vorrei stilare un nuovo protocollo per i test dell’autoclave e vorrei avere informazioni in merito a normative che regolano questi test.
In preciso sono vacuum test , helix test, B&D e test biologico sporte.
Quando ho lavorato in uno studio dentistico la cadenza era la seguente :
Al lunedì vacuum test
Il 15 del mese helix test
Una volta al mese B&D e spore
Ad ogni ciclo era inserita la striscia di controllo vapor line e ogni ciclo era identificato da etichetta sulla busta per tracciabilitá del ciclo. Esiste una normativa che obbliga ad apporre etichetta con numero ciclo ? Vapor Line è obbligatorio ad ogni ciclo?
Grazie a tutti .

 

Buonasera, mi vorrei iscrivere al vostro incontro del 25 Maggio prossimo, a Vercelli. Sul riprocessamento dei ferri chirurgici in sterilizzazione.
Grazie Luisa Rota

 
  • Risposta 1
  •          mer, 08 Mag 2019 21:07
  •          milena bezziccheri

  • Cara collega è sufficiente collegarsi con il nostro sito dove troverà la possibilità di iscriversi on line e tutte le istruzioni per la sua iscrizione. Ringraziandola a nome di tutto il Direttivo le auguro un buon lavoro


Buongiorno
Chiedo cortesemente se esite una norma una procedura oppure un qualsiasi documento che dica chiaramente che all'interno del container non va messo nullo eccetto lo strumentario….
mi spiego meglio…
Mi viene richiesto a livello superiore di mettere all'interno del contaner tra il telo chiuso e il coperchio la check list??? e io ovviamente vorrei metterla esternamente ma devo trovare una documentazione che appoggi il mio metodo..
grazie mille

 
  • Risposta 1
  •          ven, 03 Mag 2019 14:19
  •          milena bezziccheri

  • Buongiorno,
    tra i sistemi di confezionamento, come previsto dalla Norma UNI EN ISO 11607-1, vi sono i container che sono formati da un contenitore, da una griglia interna, da un coperchio dove sono sistemati i filtri che vengono fissati dai fermafiltri e da un sovra-coperchio; i container possono essere in acciaio, alluminio anodizzato etc.
    Non è previsto infatti la collocazione all'interno del CT di altro materiale(quindi teli o altro). Purtroppo l'abitudine o consuetudine (che andrebbe abbandonata) è la collocazione tra il contenitore e la griglia di teli di ultima generazione( in quanto il cotone è abolito) o di fogli di TNT per evitare,durante l'utilizzo del contenuto all'interno del CT, che la strumentista tocchi l'unica parte NON STERILE del container che è il bordo. Per il problema della ceck-list all'interno del CT le ricordo che l'inchiostro durante la fase di sterilizzazione potrebbe inquinare gli strumenti all'interno. Non so se lei abbia un sistema di rintracciabilità elettronico il quale potrebbe prevedere l'elenco degli strumenti di quel container o la fotografia del contenuto; il sistema elettronico di rintracciabilità potrebbe essere collegato con il blocco/sala operatoria e consentire la stampa immediata degli strumenti(ovviamente non in sala ma in un ufficio del Coordinatore/ice. All'interno del CT non va collocato nulla e trovo più verosimile collocare la ceck-list all'esterno del CT dopo la fase di sterilizzazione al momento della consegna del container stesso alla sala interessata.
    Buon lavoro


Salve,
chiedo cortesemente il sistema test elettronico ETS e il DM CAVI sono obbligatori o è possibile utilizzare i sistemi precedenti.
GRAZIE!

 
  • Risposta 1
  •          ven, 03 Mag 2019 13:59
  •          milena bezziccheri

  • Buongiorno,
    il test di B&D può essere eseguito sia con un sistema elettronico che lei cita che le consentirebbe l'archiviazione elettronica dei dati, e sia con i vecchi sistemi come lei chiama archiviando il cartaceo che deve essere conservato! Il test per Corpi cavi è obbligatorio come da Norma UNI EN 17665-1.
    Sull'utilizzo del test per Corpi cavi la Norma non è chiarissima nel senso che deve essere sicuramente utilizzato durante le convalide annuali delle autoclavi ma non spiega se va eseguito SOLO AL MATTINO dopo i normali test o SE DEBBA ESSERE UTILIZZATO su ogni CICLO delle macchine in considerazione del fatto che su OGNI CARICO DELLE AUTOCLAVI abbiamo strumenti cavi( si pensi agli snodi degli strumenti chirurgici come forbici, klemmer etc che sono in effetti corpi cavi); la decisione in merito va presa con la Direzione Sanitaria(responsabile del Processo) in quanto l'utilizzo su ogni ciclo determinerebbe un aumento di spesa ; l'importante è che la cosa sia presente e descritta e firmata dal Direttore Sanitario all'interno della procedura riguardante l'esecuzione dei test giornalieri delle autoclavi.
    Buon lavoro


Buongiorno, mi viene richiesto di sterilizzare i famosi "spilli da balia" usati per ancorare i drenaggi.
Non essendo un dispositivo, essendo prodotto di merceria, ho fatto presente che non si possono sterilizzare, ma ovviamente, "si è sempre fatto cosi"... come comportarmi? Quali alternative?
Grazie e buona giornata. Adriana

 
  • Risposta 1
  •          lun, 29 Apr 2019 21:31
  •          milena bezziccheri

  • Buonasera, la risposta l'ha già data: non li deve sterilizzare!
    Buon lavoro

  • Risposta 2
  •          gio, 02 Mag 2019 16:15
  •          catuscia aroldi

  • Concordo pienamente sul fatto che non si possono sterilizzare.. ma chiedo se qualcuno e' riuscito a trovare una soluzione per ovviare al problema..
    altrimenti anche noi purtroppo dovremmo continuare a fare cosi'' come si e' sempre fatto...

  • Risposta 3
  •          ven, 03 Mag 2019 14:23
  •          milena bezziccheri

  • Buongiorno,
    purtroppo a volte si dovrebbe usare il buon senso e se diversamente non riesce a trovare sul mercato altro materiale potrebbe lavare le spille in questione, sterilizzarle e poi farle gettare.
    Chieda a qualche collaboratore scientifico se conosce altro sistema( perchè questo è molto ANTICO).
    Buon lavoro


Buongiorno,
chiedevo informazioni in merito alle modalità di trasporto dei fibrobroncoscopi.
Dopo l'utilizzo in sala operatoria o nelle unità operative, il fibroscopio viene lavato in loco, poi, se sterilizzabile con perossido d'idrogeno trasportato in Centrale di Sterilizzazione, oppure trattato presso il servizio di Endoscopia Toracica.
Nelle linee guida si parla di trasporto in vassoi, contenitori, ecc., tali da facilitare la pulizia degli stessi. Chiedevo pertanto se è corretto utilizzare come contenitore da trasporto, le valigie con cui vengono forniti , considerando che i fibroscopi non entrano mai a contatto diretto con l’interno della valigia ma sono sempre protetti ( sia quelli da trattare che quelli sterilizzati), da involucro plasticato.

 

Buongiorno,
chiedevo informazioni in merito alle modalità di trasporto dei fibrobroncoscopi.
Dopo l'utilizzo in sala operatoria o nelle unità operative, il fibroscopio viene lavato in loco, poi, se sterilizzabile con perossido d'idrogeno trasportato in Centrale di Sterilizzazione, oppure trattato presso il servizio di Endoscopia Toracica.
Nelle linee guida si parla di trasporto in vassoi, contenitori, ecc., tali da facilitare la pulizia degli stessi. Chiedevo pertanto se è corretto utilizzare come contenitore da trasporto, le valigie con cui vengono forniti , considerando che i fibroscopi non entrano mai a contatto diretto con l’interno della valigia ma sono sempre protetti ( sia quelli da trattare che quelli sterilizzati), da involucro plasticato.

 

Buongiorno,
chiedevo informazioni in merito alle modalità di trasporto dei fibrobroncoscopi.
Dopo l'utilizzo in sala operatoria o nelle unità operative, il fibroscopio viene lavato in loco, poi, se sterilizzabile con perossido d'idrogeno trasportato in Centrale di Sterilizzazione, oppure trattato presso il servizio di Endoscopia Toracica.
Nelle linee guida si parla di trasporto in vassoi, contenitori, ecc., tali da facilitare la pulizia degli stessi. Chiedevo pertanto se è corretto utilizzare come contenitore da trasporto, le valigie con cui vengono forniti , considerando che i fibroscopi non entrano mai a contatto diretto con l’interno della valigia ma sono sempre protetti ( sia quelli da trattare che quelli sterilizzati), da involucro plasticato.

 
  • Risposta 1
  •          ven, 12 Apr 2019 14:46
  •          milena bezziccheri

  • Buon pomeriggio
    il fibroscopio come, lei scrive, viene lavato dopo l'utilizzo in loco sperando che chi lo esegue sia attento a quanto dettato dal produttore dello strumento stesso; la valigia non è esattamente il contenitore più adatto e esistono dei contenitori a chiusura ermetica che consentono il trasporto in sicurezza del fibroscopio il quale una volta raggiunta la Centrale di Sterilizzazione vanno ripetute le fasi del lavaggio per poi essere confezionato e sterilizzato attraverso il metodo consigliato dal produttore(che può essere appunto il Perossido d'idrogeno.
    Io eviterei il trasporto nella valigia che in genere viene utilizzata per depositarlo e trasportarlo per problemi di riparazione tecnica.
    buon lavoro


Buongiorno, volevo informazioni sull'esecuzione del vuoto test, in quanto stiamo rivedendo le procedure della centrale di sterilizzazione che io coordino. Tale test deve essere eseguito ogni volta che l'autoclave viene spenta, è esatto? Il problema si pone durante la reperibilità notturna, va sempre ripetuto prima di iniziare la sterilizzazione dei D.M. ricondizionati. Spero di essere stata chiera sulla mia perplessità. Grazie mille.

 
  • Risposta 1
  •          ven, 12 Apr 2019 14:39
  •          milena bezziccheri

  • Buon pomeriggio,
    il test del vuoto rientra tra i controlli di routine ,ogni giorno con il test di B&D che ha , quest'ultimo valenza per 24 ore ossia 1 giorno. Se alla fine del lavoro l'autoclave viene spenta( a che ora?) nel riaccenderla se non sono trascorse le 24 ore dall'accensione mattutina è sufficiente ripetere il ricondizionamento dell'autoclave ovvero riportarla a pressione e il vuoto test; se invece sono trascorse le 24 ore i test vanno ripetuti tutti ovvero : ricondizionamento, vuoto test , test di B&D e Test per corpi cavi(Helix test).
    Quando le autoclavi vengono spente i valori della pressione tendono a scendere quindi Lei deve riportarla alla giusta pressione per poterla utilizzare.
    Spero di esserle stata d'aiuto e le auguro Buon lavoro:


Buongiorno,
Sono stata ad un corso di aggiornamento e un medico che parlava in sala alle ASO ha detto che non è più riconosciuto il doppio imbustaggio dei ferri (validità 2 mesi di sterilità)ma solo l minutaggio singolo(validità 1 mese)e che è stato scritto in una circolare poco tempo fa.
È Vero?se vengono a fare un controllo siamo in multa?
Grazie
Manuela

 
  • Risposta 1
  •          lun, 08 Apr 2019 10:29
  •          milena bezziccheri

  • Buongiorno, non mi risulta quanto affermato dal medico( un direttore Sanitario?)
    Lei legga il forum anche dei giorni scorsi e vedrà che la Norma UNI EN 11607-1 parla di prove di STABILITA' ovvero dimostrare il tempo di sterilità dei DM confezionati nella sua realtà; sono prove che hanno bisogno di verifiche microbiologiche in tempi stabiliti e solo allora e solo per la sua realtà i tempi di sterilizzazione delle varie confezioni che lei fa(SBS; SBS+PP o container) possono variare.
    Mi stupisce che un medico faccia di queste affermazioni!
    Buon lavoro


Buongiorno chiedevo un'informazione a riguardo dei ferri chirurgici provenienti dalle sale operatorie. I ferri che arrivano dalle sale operatorie in centrale di sterilizzazione devono essere lavati e decontaminati solo quelli usati sporchi o anche quelli non usati che avanzano dentro i container puliti devono essere lavati e decontaminati. Esiste un decreto su questo. Grazie
Cordiali saluti Guido

 
  • Risposta 1
  •          lun, 01 Apr 2019 21:46
  •          milena bezziccheri

  • Buonasera,
    gli strumenti chirurgici che non vengono utilizzati durante un intervento e che rimangono all'interno del container devono essere trattati come quelli usati; le sembra corretto non farlo visto che il container è stato aperto?
    Come fa lei ad avere la certezza che quei ferri non siano stati contaminati?
    Comunque per sicurezza tutto il kit va decontaminato, termo-disinfettato, confezionato e sterilizzato.
    Buon lavoro

  • Risposta 2
  •          mar, 02 Apr 2019 08:36
  •          Guido marchesini

  • Chiedevo anche se c'era un decreto legge
    Su questo argomento dei ferri chirurgici

  • Risposta 3
  •          gio, 04 Apr 2019 09:58
  •          milena bezziccheri

  • Buongiorno, per il problema da lei posto non vi è una Norma ad hoc ma vale sempre il buon senso.
    Buon lavoro


1 2 3 4